MIGLIORIE IN UNA CASA IN AFFITTO, CHI PAGA E CHE AUTORIZZAZIONI SERVONO?

29 Maggio 2024
MIGLIORIE IN UNA CASA IN AFFITTO, CHI PAGA E CHE AUTORIZZAZIONI SERVONO?

 

Per sentirsi davvero a casa quando si vive in affitto può essere necessario intervenire per apportare miglioramenti all’immobile.

Ma l’inquilino può fare lavori nella casa in affitto? Deve chiedere l’autorizzazione al proprietario? E chi paga per questi interventi? Cerchiamo di capirne di più.

 Quali sono le migliorie che possono essere attuate

Innanzitutto è bene precisare cosa si intende per migliorie in una casa in affitto.

Non stiamo parlando di piccole opere di riparazione o di abbellimenti (quali appendere quadri alle pareti, comprare un mobile o pitturare il muro di una stanza), bensì di interventi decisamente più impattanti e tendenzialmente dal carattere perenne, come per esempio:

  • installare una porta blindata;
  • sostituire i sanitari;
  • applicare rivestimenti alle pareti;
  • installare di zanzariere fisse;
  • realizzare elementi in cartongesso per separare gli ambienti.

Insomma, tutti interventi che non possono essere facilmente cancellati al termine del periodo di locazione. 

Migliorie in una casa in affitto: che autorizzazioni servono?

Per realizzare delle migliorie in una casa in affitto l’inquilino, salvo diverse clausole inserite nel contratto di affitto, non deve necessariamente richiedere l’autorizzazione del proprietario e può intervenire in autonomia.

Confrontarsi con il proprietario resta però sempre la strada migliore da percorrere. È infatti molto importante tenere presente che, come indicato dall’articolo 1590 del Codice Civile, a fine contratto, l’inquilino è tenuto a rendere l’appartamento o la casa come ricevuto e, se non accordatosi diversamente con il proprietario, potrebbe andare incontro a problemi o richieste di risarcimento danni

Quando le migliorie aumentano il valore dell’immobile

Gli interventi realizzati dall’inquilino possono portare anche a un accrescimento del valore dell’immobile di cui continuerebbe a beneficiare il proprietario dello stesso a termine contratto. In questo caso l’inquilino ha diritto a un risarcimento per le spese sostenute? La risposta è “dipende” e “in parte”.

Se le migliorie apportate sono state concordate con il proprietario di casa, allora quest’ultimo sarà tenuto a “pagare un’indennità corrispondente alla minor somma tra l’importo della spesa e il valore del risultato utile al tempo della riconsegna”.

Si tratta dunque di una indennità, che può essere basata sull’importo delle spese sostenute o in alternativa sull’incremento di valore ottenuto. La scelta di un importo o dell’altro privilegia la cifra inferiore. 

Entra in contatto oggi

Altri articoli di notizie
INIZIANO GLI EUROPEI: COME ORGANIZZARE IL SALOTTO PER VEDERE LE PARTITE CON GLI AMICI
13 Giugno 2024
Manca poco al fischio d’inizio. Venerdì 14 giugno con Germania-Scozia, alle ore 21, com...
10 destinazioni per le vostre vacanze a giugno
5 Giugno 2024
Giugno è un periodo ideale per viaggiare. Il clima è infatti perfetto: non troppo caldo, no...
Bonus condizionatori 2024: come ottenerlo senza ristrutturazioni a maggio 2024
22 Maggio 2024
Puoi beneficiare del bonus condizionatori anche qualora tu non abbia intenzione di ristrutturare cas...